Sindrome del piriforme - Mauro Colangelo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sindrome del piriforme

Patologie > Mal di schiena

Il piriforme è situato nella profondità della natica al di dietro del grande gluteo e va dalla superficie interna dell'osso sacro al femore. E’ un piccolo muscolo di forma triangolare che fa parte del gruppo dei muscoli rotatori esterni dell'anca; infatti, nella deambulazione si contrae e ruota esternamente il femore consentendo in questo modo di spostare il peso da un piede all'altro e quindi di mantenere l'equilibrio. Poiché il nervo sciatico passa al di sotto del piriforme, se il muscolo lo comprime o lo irrita insorge un disturbo neuromuscolare i cui sintomi sono sovrapponibili a quelli della lombo-sciatalgia da discopatia, con cui spesso si confonde. La patogenesi è totalmente diversa in quanto non è coinvolta la radice spinale del nervo sciatico ma il suo tronco periferico che subisce una compressione diretta da parte del muscolo piriforme a livello del gluteo, si tratta cioè di una neuropatia da intrappolamento. La sindrome del piriforme è ascrivibile a diverse cause, che includono variazioni anatomiche del rapporto muscolo-nervo o, in oltre il 50 % dei casi, un trauma nella regione glutea, o una iperattività muscolare in posizione seduta come il canottaggio o il ciclismo. Questi fattori possono indurre contratture del muscolo piriforme che “intrappolano” il nervo sciatico sottostante, cui conseguono dolore intenso e profondo al gluteo, intorpidimento e debolezza della parte posteriore della gamba e del piede. Il dolore peggiora durante lo svolgimento di attività quotidiane come salire le scale o camminare in pendenza, correre oppure dopo aver mantenuto una posizione seduta per lunghi periodi di tempo, mentre può migliorare con il riposo in posizione supina.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu